La profezia…di Sidro

Sidro non parla, si sa. E quelle poche volte che apre bocca è sibillino, ermetico, insomma non si capisce una mazza di quello che dice.

E anche questa volta non fa eccezione.

Emergono dal nulla le sue parole, senza preavviso, senza essere state provocate. Così questa mattina, mentre io pulivo la macchina e Lupus si ingolfava la bocca con un croissand al cioccolato appena intriso nel cappuccino, Sidro comincia.

Tra poco berlusconi cadrà, ma noi continueremo a non renderci conto che è solo un fantoccio, un pupazzo, come tutti gli altri.

Al suo posto arriverà un altro pupazzo. Forse meno volgare, meno vanitoso, meno egogentrico. Forse un po’ più garbato, un po’ più pacato, cosicchè ci faranno credere di poter pensare: “Eh, questa volta si che abbiamo cambiato pagina, questo è uno serio. Non che mi piaccia eh, per carità, però per lo meno quando parla è coerente, dice cose sensate.”

Eppure basterebbe solo accendere la luce, per poter scegliere veramente.

Io rimango col gruppo da due in mano, Lupus smette di masticare, noncurante dei rivoli di caffelatte che gli scendono sul collo e con la bocca ancora piena mi fa:

– Ma sta parlando del cavaliere.

Sidro lo fulmina con un’occhiata decisa ma al tempo stesso serena, uno sguardo che non gli avevo mai visto prima.

– No, sto parlando di te.

E con quella stessa decisione e serenità, così solitamente estranea in lui che non saprei definirla altrimenti, si scolla dallo sgabello ed esce.

Annunci

2 pensieri riguardo “La profezia…di Sidro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...